Scuola: Torino portabandiera del pranzo da casa

Continua la perdita di utenti del tradizionale servizio di mensa scolastica negli istituti elementari di Torino. Secondo quanto riporta “La Stampa”, infatti, sarebbero ben 5mila su 32mila (circa il 16%) i bambini iscritti che non usufruiscono più della refezione a scuola, portandosi il pasto (quasi sempre un panino) da casa.

Non va meglio alle scuole medie, dove – sebbene lo scenario sia differente perché prevede solo 1 o 2 pomeriggi a scuola durante la settimana – solo 4mila studenti su 20mila iscritti consuma il pranzo a scuola.

Il fenomeno che da anni si verifica nel capoluogo piemontese fotografa in realtà una tendenza diffusa in molte altre città d’Italia, dove le famiglie preferiscono pensare autonomamente alla nutrizione dei propri bambini, un comportamento che – sebbene intenda garantire un pasto migliore agli scolari – finisce spesso per esporli ad un’alimentazione poco equilibrata dal punto di vista nutritivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per fornire un'esperienza di navigazione più completa agli utenti. Proseguendo nella navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi